La Migliore crema solare per gli uomini


Guida all’acquisto di creme solari per uomo e domande frequenti

Come abbiamo scelto la nostra selezione di creme solari

Quando si tratta di creme solari, ci sono così tante piccole e medie imprese che producono ottimi prodotti per la protezione solare che è probabile che tu non abbia mai sentito parlare della maggior parte dei marchi nel nostro elenco. In effetti, la maggior parte dei progressi reali nella protezione solare e nella qualità complessiva sono stati compiuti dalle piccole imprese. Ed è molto buono. Stiamo cercando prodotti che proteggano la tua pelle senza compromettere completamente la tua capacità di ottenere un po’ di colore (se è quello che vuoi).

Quindi, mentre i grandi marchi come Coppertone e Hawaiian Tropic faranno sicuramente il trucco, abbiamo sentito che i filtri solari che erano sulla nostra lista hanno fatto un lavoro migliore, non solo proteggendo la pelle dal sole, ma anche nutrendola. . Allo stesso tempo, ti impediscono di sentirti così grasso che devi frugare con della carta assorbente per rimuovere l’eccesso. E come sempre, teniamo d’occhio ciò che gli altri dicono sui prodotti che recensiamo, ma alla fine della giornata, traiamo le nostre conclusioni.

Caratteristiche da cercare nella crema solare da uomo

FPS – Il lato FPS (fattore di protezione solare) indica approssimativamente l’efficacia di una particolare protezione solare nel prevenire le scottature. Alcuni suggeriranno che per calcolare per quanto tempo una particolare protezione solare sarà efficace dovresti prendere il punteggio e moltiplicarlo per 10. Quindi, usando questa formula FPS 15 dovrebbe permetterti di stare al sole per 150 minuti senza scottarti. Ma questo è un errore pericoloso a causa della natura del punteggio SPF. Ad esempio, il FPS 30 non è due volte più forte di FPS 15. Invece, il FPS 15 bloccherà circa il 94% dei raggi UV mentre il FPS 30 bloccherà circa il 97%.

Il motivo per cui il calcolo SPFx10 dovrebbe essere visto con sano scetticismo è che suggerisce che potresti indossare SPF 50 e stare al sole per 500 minuti, o più di 8 ore di fila, e non bruciarti. Questo semplicemente non è il caso. Quindi, per favore, non provare una cosa del genere. Ci sono altri fattori coinvolti nel fatto che tu bruci e quanto velocemente puoi bruciare. Compreso a che ora sei al sole, dove ti trovi geograficamente nel mondo, se stai bevendo abbastanza acqua e se hai o meno la pelle naturalmente sensibile al sole.

Resistenza all’acqua e al sudore – Sebbene dopo mezz’ora di navigazione indisturbata non emerga alcuna crema solare per gli uomini, ce ne sono alcune che resistono meglio di altre. Se stai andando in spiaggia o al lago o se passi il pomeriggio dentro e intorno alla piscina, dovresti avere una crema solare resistente all’acqua. La FDA ha un sistema di classificazione per i filtri solari impermeabili che afferma che uno schermo solare è “resistente all’acqua” se può mantenere la sua efficacia fino a 40 minuti in acqua. Se può rimanere efficace fino a 80 minuti, lo classificano come “molto resistente all’acqua”. Il punto è che, indipendentemente da quanto tempo sei in acqua e da quanto la tua crema solare sia resistente all’acqua, dovresti applicare un nuovo strato di crema solare non appena esci dall’acqua e ti asciughi. Ogni volta. Niente scuse.

Il sicurezza della barriera corallina – Le barriere coralline del mondo sono sotto attacco senza precedenti a causa del cambiamento climatico, dell’aumento dei livelli di acidità negli oceani, dei rifiuti di plastica e dell’erosione. Si scopre che sono anche soggetti a un assalto inaspettato ma significativo da parte delle sostanze chimiche contenute nei filtri solari. Le organizzazioni ambientalisti stimano che ogni anno fino a 6.000 tonnellate di crema solare lavano la pelle di subacquei, snorkelisti e nuotatori e si posano sulle barriere coralline. Gran parte di questo prodotto contiene oxybenzone e octinoxate che possono esacerbare lo sbiancamento dei coralli e lasciare i coralli sensibili aperti alle infezioni. Queste sostanze chimiche possono anche danneggiare il DNA del corallo (il corallo è, dopo tutto, un essere vivente) e causare una crescita anormale. Alcuni luoghi orientati alla spiaggia hanno vietato la vendita di creme solari contenenti queste sostanze chimiche. E molti produttori di creme solari hanno iniziato a eliminarli dalle loro formulazioni. È nell’interesse di tutti, in particolare delle generazioni future, che iniziamo a utilizzare filtri solari sicuri per la barriera corallina il prima possibile.

Magazzinaggio – Calore, umidità e luce solare possono influenzare la chimica dei filtri solari. Quindi, se la tua crema solare deve mantenere la sua efficacia, deve essere conservata correttamente. Dovresti sempre conservare la crema solare in un luogo fresco e asciutto che non riceva la luce solare diretta. Ad esempio in una cassettiera o in un armadio. Con questo in mente, se vai in un negozio per acquistare la crema solare e la trovi su un supporto che riceve la luce solare diretta da una finestra, potresti voler andare altrove per acquistare la tua crema solare. Perché quella crema solare intrisa di sole è stata probabilmente compromessa.

ingredienti – Per la massima protezione dai raggi solari, cerca una crema solare da uomo che contenga uno o più dei seguenti ingredienti:

  • Ecamsule Ecamsule è un ingrediente chimico recentemente approvato che ha dimostrato di bloccare i raggi UVA. UVA è la parte dello spettro ultravioletto responsabile dell’aspetto rugoso e coriaceo di troppi adoratori del sole del passato che hanno dovuto fare i conti con anni di abbronzatura. Ecamsule è disponibile in Europa da oltre 20 anni, ma solo di recente ha ricevuto l’approvazione della FDA per la vendita negli Stati Uniti.
  • Avobenzone – L’avobenzone è un altro inibitore UVA. La struttura chimica dell’avobenzone ha recentemente subito modifiche per evitare che si decomponga così facilmente quando esposto alla luce solare diretta. Il risultato è un bloccante UVA molto più efficace e qualcosa che è una gradita aggiunta a qualsiasi elenco di ingredienti per la protezione solare.
  • Diossido di titanio – Il diossido di titanio è stato utilizzato nelle creme solari per decenni e fa un lavoro efficace nel bloccare anche i raggi UV più dannosi. il diossido di titanio era comunemente usato o sostituito dall’ossido di zinco nelle formulazioni più vecchie. Ma è una cattiva reputazione per far apparire le persone spettrali. Nell’ultimo decennio, tuttavia, nuove tecniche di produzione e un aggiustamento dell’ingrediente attorno al biossido di titanio e all’ossido di zinco hanno contribuito ad alleviare il problema. Ed entrambi gli ingredienti sono ora considerati efficaci e desiderabili.

Ricorda: se hai intenzione di nuotare, fare snorkeling o immersioni subacquee, dai un passaggio a qualsiasi crema solare maschile che contenga ossibenzone o octinoxate poiché questi hanno un effetto negativo sulla salute delle barriere coralline.

Spray Vs Crema

Non c’è differenza nel livello di protezione che otterrai da una lozione spray o da una crema solare se applichi correttamente la protezione solare. Il punto è, tuttavia, che è più difficile applicare correttamente i filtri solari aerosol perché il vento e altri fattori possono interferire con esso. Potresti pensare che una mezza dozzina di pompe dalla bottiglia siano già sufficienti. Ma se hai mancato il bersaglio con la maggior parte di queste pompe, la tua pelle sarà vulnerabile. Con la lozione è molto più facile giudicare esattamente quanto stai applicando e se stai coprendo tutto. Quindi, mentre i filtri solari aerosol hanno i loro fan e faranno sicuramente il lavoro se applicati correttamente, se vuoi essere assolutamente sicuro di aver applicato abbastanza e di aver coperto tutto ciò che potresti voler applicare, privo di una lozione.

Crema solare per uomo faq

È meglio un FPS più alto?

La valutazione SPF è una misura approssimativa e imprecisa di quanto tempo impiega una persona a scottarsi mentre indossa una particolare crema solare. Ma la valutazione SPF non è una scienza esatta e SPF 800 non ti proteggerà meglio di SPF 30 se non lo applichi correttamente o abbastanza spesso. La protezione solare SPF 15 in genere blocca circa il 94% dei raggi UV, mentre SPF 30 blocca circa il 97%. Quindi, come puoi vedere, non si tratta di bloccare il doppio di quanto molti pensano. Inoltre, una volta superato SPF 50 e le sue capacità di blocco UV del 98%, il punteggio diventa piuttosto inutile.

Ciò che rende davvero efficace una crema solare per uomo è che viene applicata accuratamente e riapplicata regolarmente. La maggior parte dei dermatologi consiglia di applicare un nuovo strato di crema solare ogni 2 ore o subito dopo essere uscito dall’acqua e essersi asciugato. Inoltre, se sudi molto, dovresti applicare la protezione solare più spesso che ogni due ore. La cosa importante da notare è che anche se non fai altro che stare seduto tutto il giorno sotto l’ombrellone, la crema solare sarà inutile dopo poche ore.

SPF 50 ti impedisce di abbronzarti?

Anche la migliore crema solare per uomo è solo uno schermo. Non è uno scudo impenetrabile che impedirà completamente al sole di farsi strada con te. Non c’è protezione al 100% dal sole quando sei all’aperto. Il meglio che puoi fare è bloccarne la maggior parte. Inoltre, tieni presente che la sensibilità alla luce solare varia da persona a persona. Alcuni potrebbero cavarsela con un SPF 20 (a condizione che venga riapplicato ogni 2 ore) mentre altri avranno bisogno di un SPF 50 per ottenere lo stesso livello di protezione. Quindi la risposta alla domanda è: “No. Ma questo allungherà il processo per la maggior parte delle persone rispetto, ad esempio, a un FPS 15”. Se hai domande sul tuo livello di sensibilità al sole, è sempre meglio essere prudenti e usare una crema solare più forte di quanto pensi di aver bisogno.

Ti abbronzi meglio con la crema solare?

Una volta che sai che è possibile abbronzarsi con la protezione solare, la prossima domanda logica è se ottieni un’abbronzatura migliore quando la usi. E la risposta è innegabilmente “Sì”. Se vuoi che la tua pelle abbia un colore ricco e dall’aspetto sano, è sempre meglio arrivarci un po’ alla volta. Il risultato finale sarà un tono più soddisfacente che sembra più naturale rispetto a se cercassi di ottenere l’abbronzatura perfetta in una settimana. Se hai la pelle sensibile, non usare niente di meno di SPF 30. Se la tua pelle non è così sensibile al sole, prova SPF 15. Ma niente di meno perché l’obiettivo è costruire gradualmente il colore, non acquisire la pelle cancro.


Altre recensioni di prodotti che potrebbero interessarti