Miglior scaldamani


Le persone che vivono alle latitudini settentrionali sanno come proteggersi dalle devastazioni dell’inverno. Indossano biancheria intima lunga, calze e maglioni di lana, un piumino, stivali invernali con cappuccio (o un cappello invernale altrettanto efficace) e guanti. Questo completo di base è sufficiente per proteggere la maggior parte delle persone anche dalle condizioni invernali più estreme. Ma se c’è un anello debole in questa catena, sono i guanti. Per un motivo o per l’altro, probabilmente a causa della complessità del flusso sanguigno alle estremità, i guanti sembrano sempre un po’ corti nell’area del calore e del comfort. Visto che ci sono i guanti, è vero. E poiché questo è vero, non c’è quasi nulla che si possa fare al riguardo. Fino a poco tempo fa.

Negli ultimi dieci anni la scienza degli scaldamani è progredita a tal punto che oggi non c’è davvero alcun motivo per passare l’inverno sempre sull’orlo del congelamento. Di seguito daremo un’occhiata a ciò che i nostri esperti di recensioni di prodotti hanno determinato sono i 5 migliori scaldamani oggi sul mercato.

Faq scaldamani

Quali sono i diversi tipi di scaldamani?

Quanto segue rappresenta tutti i metodi attualmente popolari che i diversi riscaldatori utilizzano per generare calore. Alcuni di questi problemi sono stati affrontati sopra, altri no.

Cristallizzazione – Le reazioni chimiche sono l’apice della bassa tecnologia e questi scaldamani riutilizzabili utilizzano le cosiddette “soluzioni sovrasature”. Si tratta essenzialmente di un gel trasparente che, opportunamente attivato, diventa visibilmente opaco. Questa opacità è il risultato di una cristallizzazione esotermica che si propaga attraverso il gel pack e genera calore. Quindi usi questo calore per scaldarti le mani. Puoi ottenere fino a 2 ore (o in alcuni casi un po’ di più) da un singolo evento esotermico e la parte migliore è che puoi “ricaricare” la confezione di gel semplicemente riscaldandola in acqua bollente per circa 5 minuti. .

Fluido per accendini – Gli scaldamani fluidi più leggeri come lo Zippo sopra utilizzano la nafta di petrolio in concerto con un catalizzatore al platino. I due reagiscono per creare ossidazione che a sua volta genera calore. Il vantaggio degli scaldacqua a fluido più leggeri è che non hanno bisogno di essere ricaricati. Basta riempirli di nuovo con il liquido per accendini e sono pronti per l’uso. Questo tipo di scaldabagno è stato introdotto per la prima volta quasi un secolo fa.

batterie – Gli scaldamani a batteria convertono l’energia elettrica in energia termica mediante un processo troppo complesso per essere spiegato con competenza nello spazio che ci viene dato qui. Basti dire che fanno un buon lavoro nel produrre calore rapidamente e possono offrire qualcosa che i riscaldatori a reazione chimica non possono: diverse impostazioni di calore. In condizioni normali, ci si può aspettare che producano calore per circa 6 ore. Molti di questi scaldamani istantanei possono anche fungere da power bank per caricare i tuoi dispositivi mobili.

Carbone – Scaldamani a carbone sono forse il tipo più “primitivo”, ma ciò non significa che non siano efficaci. Loro sono. E la loro semplicità è un vantaggio per molte persone. Un tipico scaldamani a carbone fornisce una custodia ignifuga in cui viene posizionato un bastoncino di carbone incandescente. Mentre il carbone brucia, viene generato un calore a combustione lenta, che usi per scaldarti le mani. Oltre alla loro semplicità, l’altro grande vantaggio è che il carbone è ampiamente disponibile e molto conveniente.

Scaldamani attivato Ad aria – Gli scaldamani ad aria attivati ​​come gli scaldamani HotHands descritti sopra utilizzano il processo di ossidazione e un catalizzatore salino per generare calore. Questo calore viene trattenuto dalla vermiculite e disperso all’interno dello scaldamani con l’aiuto del carbonio. La durata del calore che otterrai da loro, tuttavia, può essere irregolare, variando da 1 a 9 o 10 ore.

I molti modi per usare gli scaldamani

Mentre tutti sanno che gli scaldamani sono usati per scaldare le mani durante i mesi invernali, possono anche essere usati per svolgere una serie di altri compiti importanti, tra cui:

Asciugare i calzini bagnati – Se sei nel bosco e i tuoi calzini sono fradici, metti gli scaldamani all’interno per asciugarli in modo rapido ed efficiente.

Asciugare gli stivali bagnati – Se i tuoi scarponi da arrampicata si bagnano insieme ai calzini, metti degli scaldamani negli scarponi di notte per tenerli asciutti al mattino quando è il momento di colpire il sentiero.

Riscalda il tuo sacco a pelo – A volte portiamo una borsa a 40 gradi e si scopre che sono 25 gradi. Se il tuo sacco a pelo è un po’ corto, porta degli scaldamani nel sacco per compensare.

Fornire calore corporeo di emergenza – Se qualcuno è sull’orlo dell’ipotermia, dovrebbe essere riscaldato il più rapidamente possibile. Avvolgendo uno scaldamani in un calzino e mettendolo sotto l’ascella della persona, puoi aiutare a ripristinare il calore centrale e forse, forse, prevenire l’ipotermia.

Massaggio riscaldante – Dopo una lunga giornata di trekking, potresti ritrovarti con muscoli rigidi e doloranti. Quando torni alla tenda, prendi alcuni scaldamani e strofinali sui muscoli doloranti per sciogliere le cose e rilassarti.

Mantieni le tue batterie in buone condizioni – Le basse temperature possono essere dure per le batterie. Se hai portato con te la tua nuova bellissima fotocamera nei boschi durante l’inverno, potresti avere problemi con la batteria agli ioni di litio a meno che tu non possa tenerla al caldo. Metti le batterie in una scatola con uno scaldamani per mantenerle vitali.

Allevia il mal di testa – Non è raro soffrire di mal di testa alla fine di una lunga giornata di trekking. Se la testa ti batte forte, attiva un impacco termico e tienilo delicatamente sulle tempie per ottenere sollievo. Questa tecnica è talvolta utile per alleviare gli effetti dell’emicrania.

Prevenire il congelamento dell’acqua potabile – Se hai mai passato del tempo all’aria aperta durante l’inverno, sai cosa vuol dire tirare fuori la tua bottiglia d’acqua e trovare il suo contenuto una grande pallina di ghiaccio. Se il mercurio è caduto, prendi un termoforo e avvolgilo intorno alla bottiglia d’acqua per evitare che si congeli.

Piedi riscaldati – Anche i piedi si raffreddano e non c’è niente di meglio che attivare uno scaldamani e usarlo per scaldare i tuoi maialini congelati. Mettine uno ai piedi del tuo sacco a pelo alla fine di una lunga giornata fredda e goditi il ​​calore e il comfort.

Riscaldare il cibo – Tenere al caldo il cibo caldo quando fuori fa freddo può essere una battaglia persa. A meno che tu non abbia degli scaldamani con te. Invece di appoggiare il cibo caldo sul terreno ghiacciato o su un tavolo da picnic o su altre superfici ugualmente ghiacciate, mettilo su un fornello o 2 e assicurati che rimanga caldo per tutto il tempo necessario.

Conclusione

Come puoi vedere, gli scaldamani non sono più solo per le mani. Ricaricheranno anche i tuoi dispositivi mobili, manterranno il cibo caldo, aiuteranno a prevenire che qualcuno vada in ipotermia e forse anche sollievo dal mal di testa. La scelta dipenderà dal tuo temperamento, dalle tue esigenze (porta con te dispositivi mobili che dovranno essere ricaricati) e, in una certa misura, dal tuo budget. Qualunque sia lo scaldamani che scegli, i numeri freddi e congelati di ieri saranno presto un ricordo del passato.

Ci auguriamo che tu abbia trovato queste informazioni utili e assicurati di ricontrollare spesso per ulteriori recensioni di prodotti da TecoMeeting.


Altre recensioni di prodotti che potrebbero interessarti