La Migliore cuffia da nuoto


Guida all’acquisto di cuffie da nuoto

Come abbiamo scelto la nostra selezione di cuffie da nuoto

Per determinare le nostre selezioni per questo elenco delle migliori cuffie da nuoto, abbiamo intervistato nuotatori di diversi livelli di abilità ed età. Coloro che nuotano per divertimento, coloro che nuotano principalmente per esercizio, così come i nuotatori competitivi, hanno tutti detto la loro. Alcuni di noi hanno avuto le proprie esperienze con le cuffie da bagno e ha aggiunto sapore al brodo critico. E per finire, abbiamo esaminato le recensioni degli utenti da dozzine di fonti per vedere se potevamo creare un consenso critico.

Marca – Le cuffie da bagno sono una di quelle cose in cui troverai molti marchi riconoscibili nel mix. Sebbene ci siano certamente alcune aziende meno riconoscibili che producono principalmente cuffie da bagno, queste sono attività dimenticabili, realizzate in gomma sintetica economica che ha l’abitudine di strapparsi la prima volta che la indossi. Per la qualità, sembra che tu debba restare con marchi noti come Speedo, TYR (che esistono da quasi 50 anni) e un ingresso più recente sul mercato Michael Phelps.

Prezzo – Non esiste sul mercato una cuffia da nuoto di alta qualità che ti costringerà a scegliere tra acquistarla o mangiarla. Si tratta di un’attrezzatura per il nuoto estremamente minimalista, senza parti in movimento, senza componenti elettrici, senza interattività applicativa e molto poco preziosa in termini di dimensioni. Queste sono ciotole espandibili che ti metti sui capelli e dimentichi. Tutto questo per dire che il prezzo non è una grande considerazione per un prodotto che ha un costo di fascia alta all’incirca uguale a quello di una pizza grande.

Caratteristiche da cercare nelle cuffie da nuoto

Protezione dei capelli – Se nuoti in piscina, devi proteggere i capelli dagli effetti nocivi del cloro. Se sei un nuotatore oceanico, il nemico è il sale. La tua cuffia dovrebbe proteggerti da questi due fastidi. Certo, potresti fare una lunga doccia dopo aver nuotato e assicurarti di dare ai tuoi capelli uno scrub accurato. Ma perché esporre i capelli a tutto questo cloro in primo luogo?

Un’idea migliore è tenerlo lontano dai capelli (e anche dal cuoio capelluto). La tua cuffia andrà bene. Lo stesso vale per il sale marino: sebbene una breve e periodica esposizione al sale marino non sia un problema, se nuoti molto nell’oceano, diventa un problema abbastanza significativo. Il sale è, dopo tutto, un prodotto corrosivo. E se lo lasci troppo a lungo sui capelli e sul cuoio capelluto, li idraterà e attaccherà le cuticole, che potrebbero causare la caduta dei capelli.

Un’altra cosa: se hai i capelli lunghi, dovresti assolutamente prendere in considerazione una cuffia ampia progettata appositamente per i capelli lunghi. La maggior parte dei grandi produttori li produce. Questi cappucci hanno un po’ più di spazio sotto il cofano, per così dire, per accogliere i tuoi capelli. Basta impilare i capelli sulla sommità della testa, tirare la lunga corona sopra la testa e voilà! Cloro e capelli lunghi senza sale.

Sentiero – Uno dei motivi principali per indossare una cuffia è ridurre la resistenza nell’acqua. Anche se questo è solo per i nuotatori competitivi, ci sono molti nuotatori competitivi là fuori in questi giorni, con più livelli di competizione disponibili che mai. E anche legioni di aspiranti nuotatori competitivi. Mentre una cuffia da nuoto impermeabile non ti farà perdere 5 secondi nei 100 metri, potrebbe farti perdere qualche decimo di secondo. E nel mondo del nuoto agonistico, questo potrebbe fare la differenza tra un posto tra i primi 3 e un posto in classifica generale.

Controllo dei capelli – Tanto importante quanto tenere il cloro e il sale marino lontano dai capelli e dal cuoio capelluto è semplicemente tenere i capelli lontani dal viso quando sei in acqua. Più lunghi sono i tuoi capelli, più problematico diventa quando la tua testa salta dentro e fuori dall’acqua ad ogni colpo. Se si inchina davanti ai tuoi occhiali, può confonderti e perdere tempo e slancio cercando di evacuare. Anche se non nuoti in modo competitivo, non vorrai mai perdere la concentrazione sulla superficie quando nuoti.

È qui che entrano in gioco le cuffie da nuoto. Mantengono tutto in ordine in modo che tu possa concentrarti sull’attacco e sulla respirazione. Se temi che la cuffia ti strappi i capelli, prova una cuffia in lycra. Sono più dolci e più indulgenti. Sebbene non siano impermeabili e non siano così efficaci nel ridurre la resistenza.

Calore – Se sei un nuotatore in acque libere, soprattutto se vieni da climi settentrionali, sai che stare al caldo in acqua è una preoccupazione primaria. In tal caso, vorrai considerare seriamente i vantaggi di una cuffia da nuoto in neoprene. Il neoprene è più spesso di altri materiali e fa un lavoro molto migliore rispetto alla maggior parte dei materiali che trattengono il prezioso calore corporeo. Recentemente sono apparsi sul mercato cappucci in silicone più spessi, che aiutano anche a trattenere il calore in modo eccezionale. I triatleti prendono atto.

Diversi materiali delle cuffie da nuoto

Silicone – Il silicone sta rapidamente diventando il materiale preferito per le migliori cuffie da nuoto. È resistente, durevole, scivola e si rimuove facilmente e non strappa i capelli. Una cuffia da nuoto in silicone durerà in genere per anni se adeguatamente curata.

lattice – Il lattice è più sottile del silicone (si pensi ai guanti in lattice) e generalmente meno resistente. Tendono a fare a pezzi senza troppi incentivi e questa non è mai una buona cosa. D’altra parte, sono estremamente leggeri, trattengono meno calore (cosa che può essere importante in una piscina riscaldata) e generalmente sono molto più economici del silicone.

Neoprene – Il neoprene è un tipo di gomma sintetica utilizzata per le mute bagnate. I nuotatori usano cappucci in neoprene per trattenere il calore quando nuotano in acque libere. Sono più pesanti della maggior parte delle altre cuffie da nuoto, ma sono essenziali per i nuotatori in acque libere come i triatleti, specialmente quando si allenano o si gareggiano nei climi nordici. Hanno l’ulteriore vantaggio di essere delicati sui capelli.

Gomma – I cappucci commercializzati con il nome di “gomma” sono spesso in gomma sintetica e non in vera gomma. Ma a prescindere, un berretto di gomma, genuino o sintetico, di solito sarà piuttosto pesante e non elastico come altri materiali. Ha anche la tendenza ad afferrare i capelli. La qualità dei cappucci in gomma varia in misura piuttosto notevole. Perché tutti indovinano. Ma ricordalo se stai considerando una cuffia da nuoto in gomma impermeabile. In compenso sono caldi e abbastanza resistenti.

Lycra / Spandex – Questo tipo di berretto è noto per essere leggero, resistente e delicato sui capelli. Se li lavi dopo ogni utilizzo, dovrebbero durare a lungo. Il rovescio della medaglia è che, poiché è porosa, la lycra non è nota per produrre cuffie da bagno che tengono i capelli asciutti. Allora perché usarli? I nuotatori occasionali usano principalmente questo tipo di cuffia per tenere sotto controllo i capelli. Non cercano di battere record e non nuotano in mare aperto.


Altre recensioni di prodotti che potrebbero interessarti